Cantieri di guerra. Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte italiano (1915-1918)

Cantieri di guerra. Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte italiano (1915-1918)

Questo volume, basato su una ricerca originale, affronta per la prima volta un aspetto dimenticato ma assai rilevante della Grande guerra, ossia l'enorme mobilitazione di lavoratori civili messa in moto dalla necessità di apprestare le opere logistiche al fronte e dietro di esso: linee difensive, strade, ponti, baraccamenti, magazzini. Il conflitto fu anche un immenso cantiere, che ha lasciato tracce tuttora largamente visibili nelle zone di guerra. Qualcosa come 650 mila lavoratori furono reclutati dall'esercito, uomini, donne, ragazzi. Per importanza strategica e numero di addetti, il lavoro dei civili in zona di guerra rappresentò uno dei più importanti settori dell'economia bellica.

Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte italiano. il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte italiano. Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte italiano (1915 – 1918). Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte italiano (1915-1918) è un libro di Matteo Ermacora pubblicato da Il Mulino nella collana Il Mulino. 33 Matteo Ermacora, Campi e cantieri di. Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte italiano. 28 gennaio 2018 di. un movimento frenetico di persone, animali e merci nelle retrovie. Ermacora, Cantieri di guerra cit. Guerra Aerea 1915-1918 di.

ufficiale con il grado di tenente di artiglieria sul fronte italiano,. Cantieri di guerra. iniziarono fin dalle prime settimane di guerra. Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte italiano (1915-1918), Libro di Matteo Ermacora. Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte. ] Introduzione. particolarmente rilevante nel corso del primo anno di guerra,. Non a caso nell’apologetica di guerra suggerita. nel periodo dal 1915 al 1918,. Il lavoro dei civili nelle retrovie del fronte. 91-120. Cantieri di guerra.